La tazzina di caffè

 

Rischiamo di essere tacciati di populismo, ma quando vediamo pubblicati gli stipendi dei cosiddetti manager pubblici e privati, proprio non riusciamo a trattenerci. Così, quando abbiamo letto l’articolo sull’Espresso, la reazione è stata rabbiosa. Sergio Marchionne, ad della Fiat, l’uomo dei tagli e dell’ imposizione di contratti di fame, della perdita dei diritti e dei turni di lavoro allucinanti ai lavoratori, percepisce la bellezza di 5 milioni e 910 mila euro annui.

Montezemolo, altro teorico delle riforme  delle pensioni e del lavoro, più miseramente porta  a casa 5 milioni e 530 mila euro e così via. In questo impietoso elenco, sono presenti tutti quelli che continuamente  ci fanno la lezione sull’economia, si scagliono contro gli sprechi e chiedono rigore, anzi più rigore. Nel frattempo gonfiano i loro portafogli, pasteggiano a champagne e vivono da nababbi.

Basta, ci avete scocciato, non siete credibili. Abbiate almeno il pudore di tacere! Per la serie: “Acta est fabula (la commedia è finita)“.

Tazzina2



Categorie:Varie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: