La bellezza del corpo attraverso i rischi continui dei ritocchi con la chirurgia estetica e il botulino: alcuni sono come i drogati

Bellezza donna   COSE DI QUESTO…MONDO 


 

 In una società dove si moltiplicano i canali in cui mostrare la propria immagine, Facebook, Instagram e Skype,  sempre più giovanissimi ricorrono alla medicina estetica in modo incontrollato e i numeri sono allarmanti. Secondo uno studio condotto dalla WJLA, emittente televisivo statunitense affiliato alla prestigiosa ABC, dal 2010 il numero di teenager americani che tra i 13 e i 19 anni si è sottoposto a iniezioni di tossina botulinica è cresciuto del 20%.

Un dato ancora più inquietante se si considera che dal 2000, questa progressione è stata del 680%. Dalla ricerca, si apprende che molte teenager ricorrono alla tossina botulinica per combattere l’iperidrosi, altre invece la usano per combattere le rughe d’espressione sulla fronte. (http://www.wjla.com/articles/2014/02/teen-botox-use-on-the-rise-100335.html) Sulla stessa lunghezza d’onda, il portale medico canadese FFAQ che ha recensito negli USA oltre 12.000 iniezioni annue di tossina botulina  somministrate ad degli under 20 (http://www.ffaq.ca/sante/adolescents-chirurgie-esthetique.html), numeri che preoccupano anche i medici italiani.

Nonostante che un recente sondaggio Aiteb (Associazione italiana terapia estetica botulino) sostenga che nessun medico italiano ha mai effettuato trattamenti con botulino per fine estetico su minorenni e che solo lo 0,5% dei pazienti ha meno di 25 anni, a mettere in guardia sui rischi di una deriva simile anche in Italia. Il rischio c’è: secondo una stima dell’associazione “Donne e Qualità della Vita” una adolescente su due sarebbe tentata di farlo e una su sette è pronta ad andare in Paesi esteri pur di ritoccarsi, proprio come accade con la fecondazione assistita. Un turismo del ritocco è possibile e in molti casi consentito dai genitori.

In merito interviene Fulvio Tomaselli, presidente di SIME e membro del Collegio Italiano delle Società Scientifiche di Medicina Estetica, che non usa mezze misure per definire questo fenomeno e i medici che vi si prestano: “Si tratta di criminalità pura, e questi medici agiscono esattamente come un pusher con la droga. Come un medico non prescrive un antibiotico se non necessario, – spiega il Dott. Tomaselli –  così deve essere per questi trattamenti. È una decisione da prendere insieme, il paziente perché ha i suoi problemi e io perché ho la mia competenza, verificando che la tossina botulinica possa giovare. Somministrarla a un minorenne, o anche a un 70enne che non ne ha bisogno, è veramente criminale.”

Per quanto riguarda le motivazioni, l’esperto del Collegio Italiano delle Società Scientifiche di Medicina Estetica, va nel dettaglio sfatando dei luoghi comuni: “la tossina botulinica può ridurre le rughe, ma su un adolescente non ha senso perché invecchiando gli verranno lo stesso e non può certo pensare di passare una vita a farsela iniettare. In ogni caso è assolutamente amorale, non etico, e non professionale! Quello che avviene negli Usa, ma che si sta diffondendo sempre di più, non è medicina, è business, è bancarella al mercato. Discorso diverso invece per l’iperidrosi, che è una malattia che spesso crea gravi problematiche sociali. Una persona che ha le mani iperidrosiche o le ascelle che vanno a mille, non vive bene e quindi intervenire può essere utile.”

Per arginare questo pericolo, l’arma in più è la formazione, e l’Italia in questo è all’avanguardia:“Siamo l’unica Nazione che prevede un Collegio delle Società Scientifiche di Medicina Estetica – precisa con orgoglio Tomaselli – , scuole di formazione di 4 anni mentre, altrove, non c’è né l’una né l’altra cosa. Per noi, la medicina estetica è l’arte di curare le persone prendendo in carico anche quello che non è malattia ma che è soltanto un inestetismo che è comunque motivo di sofferenza per la persona che lo vive. Questo non significa necessariamente correggere con un filler o una tossina botulinica o con un intervento di chirurgia ma significa prendere la gente per mano e portarla a vivere la loro vita malgrado l’inestetismo che spesso non è risolvibile; se no saremmo tutti dei maghi merlino con la bacchetta magica, ma questo non è”.



Categorie:Varie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: