Cologno, dopo le perquisizioni della Guardia di Finanza RTL precisa: “I nostri rapporti sono chiari, nulla da nascondere”

Guardia di Finanza  COLOGNO MONZESE 


I responsabili di radio RTL si dichiarano estranei ad ogni possibile accusa e coinvolgimento nell’inchiesta che riguarda la malavita calabrese. Le perquisizioni eseguite nella sede di Cologno Monzese hanno suscitato clamore, così come informa una nota dell’Ansa.

Le perquisizioni e sequestri di documenti sono state eseguite nella sede legale di Bergamo di Rtl Radio srl, ad Arcene (Bergamo), Roma, Napoli e a Cologno Monzese, e in alcune società che operano con la radio. Le perquisizioni sono state disposte dalla Dda di Catanzaro nell’ambito di un’inchiesta sul clan dei Tripodi di Vibo Valentia il cui presunto boss, Nicola Tripodi, risultava, pur senza lavorare, dipendente della “Gesti.Tel srl”, ritenuta dagli inquirenti una società di fatto di Rtl.

L’emittente radiofonica, in una nota, ha spiegato di aver “fornito tutta la documentazione richiesta e collaborato pienamente alla connessa perquisizione“.  “Tutti i documenti forniti – prosegue la nota dell’emittente – attestano la totale liceità dei rapporti da noi intrattenuti. Per il resto, il Gruppo Rtl 102.5 non ha nulla a che vedere con quanto contestato agli indagati“.

 



Categorie:Cronaca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: