Cologno, omicidio Benetti: il pm chiede l’ergastolo per l’imputato Bilella, ma il fattore si dichiara innocente

Bilella in aula COLOGNO MONZESELa vicenda della professoressa di ginnastica di via Tintoretto a Cologno Monzese, scomparsa mentre era nella sua tenuta di campagna nel grossetano, è arrivata all’epilogo: dopo due giorni di dibattito con gli interventi dei pm è stato chiesto l’ergastolo per l’uomo sospettato di essere l’autore del delitto e della scomparsa del corpo.

Ergastolo: questa la richiesta di condanna del pubblico ministero per l’imputato Antonino Bilella (nella foto) , l’agricoltore agrigentino accusato di aver ucciso e distrutto il cadavere di Francesca Benetti, l’insegnante in pensione di Cologno Monzese (Milano) scomparsa da Villa Adua di Potassa di Gavorrano (Grosseto) il 4 novembre 2013 di cui non è mai stato ritrovato il corpo.

E’ stato il pm Marco Nassi, alla fine del secondo giorno di requisitoria, dopo l’inizio del pm Salvatore Ferraro, a formulare la richiesta di condanna. Bilella è imputato di omicidio volontario premeditato, soppressione di cadavere, violenza sessuale e stalking. L’uomo continua a dichiararsi innocente, ma tutti gli indizi portano contro le sue responsabilità così come hanno dimostrato le requisitorie che hanno portato i pm a chiedere la pena del carcere a vita. Ora si  attende la sentenza.



Categorie:Giudiziaria

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: