La Tazzina di Caffè

   ® Durante la manifestazione della candidata sindaca Monica Chittò, l’assessora alla cultura, nonchè capolista della lista civica La Fabbrica, durante il suo intervento ha detto: “Se io invito al lancio della mia lista Stefano Parisi, lui era il candidato di Berlusconi a Milano, Berlusconi era il datore di lavoro di Mangano, Mangano era solidale di Dell’Utri, Dell’Utri è stato condannato per associazione mafiosa… quindi se io fossi un militante di Libera ci penserei bene prima di appoggiare quella lista“. Naturalmente riferito a Sesto nel Cuore. Che pena! Questo è il livello di una campagna elettorale che offende la città, deprime gli elettori e genera lo sfascismo.

Un bel tacer non fu mai scritto” recita un vecchio detto, quantomai attuale. A Sesto nel Cuore e a Roberta Pizzochera, esponente di Energie per l’Italia di Stefano Parisi, candidata alle comunali nella lista di Caponi, va tutta la nostra solidarietà.

All’assessora Innocenti, un consiglio: “Conti sempre fino a cento, prima di parlare“. Anche perché come diceva Marcello Marchesi: “E’ sbagliato giudicare un uomo dalle persone che frequenta. Giuda, ad esempio, aveva degli amici irreprensibili“. 

Annunci


Categorie:Varie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: