Sesto maglia nera della fiscalità su uffici e capannoni, altro che investire sul territorio

     SESTO SAN GIOVANNIDopo Milano c’è Sesto. Non in senso di continuità territoriale ma in fatto di tasse da pagare al Comune. I sestesi sono al secondo posto per soldi da versare nelle casse comunali tra Imu, Tasi, Tari, oneri di urbanizzazione e l’addizionale Irpef. Nessun altro comune del NordMilano è vicino a Sesto. I titolari degli uffici pagano in media 13-15 mila euro annui, mentre i proprietari dei capannoni superano i 50mila. Lo studio di Assolombarda a messo a confronto le cifre del 2012 e quelle del 2016.

Al di là degli andamenti finanziari nel 2016 nessuno ha tagliato le tasse confermando in blocco quelli del 2015, tranne Cinisello che ha abbassato l’addizionale Irpef dallo 0,8 allo 0,75. Assolombarda chiede ai comuni un atto di responsabilità per fare ripartire l’economia con un taglio delle tasse per favorire gli investimenti. Sesto saprà fare altrettanto? Magari con le elezioni vicine….

Annunci


Categorie:Attualità

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: