Basket, il Geas targato Penati vola verso lo spareggio finale dopo la vittoria su Ferrara e ritrova l’entusiasmo dei tifosi

   SESTO SAN GIOVANNIGara 1 è stata superata con merito e alla grande. Il Geas edizione nuovo presidente Filippo Penati, presente a incoraggiare la squadra, ha giocato bene e battuto Ferrara nella prima semifinale. Ora ci sarà il ritorno per arrivare allo spareggio finale e puntare alla A1. Tutto sembra messo per il verso giusto. Per ora un dato chiaro: è ancora grande Geas in questi playoff: nella calda domenica pomeriggio del PalaNat, una prestazione da applausi onora al meglio la prima uscita ufficiale del neo-presidente Filippo Penati. Le rossonere vanno 1-0 su Ferrara (70-54) nella serie di finale del proprio tabellone, al meglio delle 3 partite, che darà accesso allo spareggio per salire in A1 contro la vincente della sfida fra Bologna e Vicenza (gara-1 vinta dalle emiliane).

Sestesi sempre avanti, a parte i primissimi minuti, con tante protagoniste, guidate da Arturi (10 punti con 4/4 al tiro nel solo primo quarto) ed Ercoli (20 punti e 13 rimbalzi); le ospiti hanno saputo riavvicinarsi da -17 a -7 ma la nuova fuga del Geas è stata definitiva. Scacciato così anche il ricordo amaro della sconfitta che le rossonere subirono a marzo da parte di Ferrara in Coppa Italia di A2. La serie è ben indirizzata ma ovviamente è solo il primo capitolo: gara-2 si gioca giovedì 25 a Ferrara; l’eventuale gara-3 domenica 28 di nuovo al PalaNat.

   “Piena soddisfazione. Andamento simile a gara-2 con Marghera, l’ultima che avevamo giocato, con una nostra partenza forte, un riavvicinamento delle avversarie e noi brave a ripartire di nuovo – ha detto Cinzia Zanotti, coach (nella foto col neo presidente Penati) -. Abbiamo avuto qualche falla difensiva all’inizio, qualche alto e basso nel rendimento, ma non posso certo lamentarmi. Rispetto alla sconfitta in Coppa contro Ferrara, siamo state capaci di attaccare in modo più fluido di fronte alle loro difese ‘miste’, che rappresentavano lo spauracchio tattico alla vigilia. Qualche difficoltà in più c’è stata contro la uomo, ma non abbiamo mai realmente perso il controllo della gara, ed è positivo aver saputo dare un ‘giro di vite’ in difesa per dare il via a un nuovo strappo. Brave a cercare Ercoli con costanza, e lei ha fatto valere il vantaggio di centimetri, ma il dominio a rimbalzo è stato collettivo”.

Buona anche la distribuzione dei punti, confortante la condizione fisica: del resto a inizio playoff, quando non eravamo al meglio della forma, auspicavo una crescita strada facendo. Chiaro che l’arrivo del caldo si è sentito, e la stanchezza peserà, ma vale per tutti, non solo per noi. Per vincere gara-2 evitando così i rischi della terza? Dobbiamo aspettarci che Ferrara faccia ben altro tipo di partita; lavorare fin dall’inizio con grande intensità, ‘metter loro addosso’ il nostro fisico. Le belle novità societarie? Non so dire con esattezza quanto si siano tradotte in motivazioni-extra, ma di sicuro le ragazze sono molto contente di giocare sapendo che i loro sforzi non rischiano più di essere vani”.

La perfezione non è di questo mondo, e il Geas non fa eccezione, ma per i suoi ultimi 5 minuti del primo quarto di gara-1 con Ferrara si rischia di adoperare quel termine: le rossonere sono protagoniste di una mareggiata. Un parziale di 18-0 sommerge le emiliane, in un contesto di gioco spettacolare: da -1 le ragazze di Cinzia Zanotti passano a un +17 (29-12) che risulterà di fatto essere decisivo. E’ la capitana ad indicare la via: Giulia Arturi spacca la partita con due triple, un assist a tutto campo per Barberis e un canestro da due che vale il prezzo del biglietto: rimbalzo con perfetto tagliafuori della sua avversaria, palla raccolta ad altezza-palleggio, campo bevuto in un amen, due punti in entrata di sinistro. Ma, contrariamente all’episodio della sconfitta con Ferrara nei quarti di Coppa Italia (quando segnò 27 punti su 56 della squadra), Arturi è tutt’altro che sola: la partita delle rossonere è un lungo elenco di preziosità. A partire dalle mosse di Cinzia Zanotti, che ha messo in campo le contromisure giuste alle difese miste (“box and one” su Galbiati, “triangolo e due” su Arturi e la stessa Virginia) che tanto male aveva fatto in quel precedente.

Ercoli, in particolare, ha giocato un incontro straordinario. Padrona assoluta dei tabelloni, precisa nel convertire a canestro i bellissimi passaggi ricevuti un po’ da tutte le compagne, “Elison” ha consentito alle compagne di variare i temi con un “dentro e fuori” che ha stordito le avversarie; le emiliane hanno pagato sotto le plance l’assenza di un centro vero. Solidissima Veronica Schieppati, sia nel consueto lavoro difensivo, sia in fiondate dalla media che hanno tenuto a distanza le avversarie. Super Barberis, reattiva come nelle migliori giornate, vera riciclatrice d’oro, avendo trasformato palloni-spazzatura in punti fondamentali. La stessa Gambarini ha messo in mostra punte del suo riconosciuto talento e non ha fatto mancare assist spettacolari e canestri pesanti. Anche Virginia Galbiati, “sorvegliata speciale” dal coach avversario Chimenti per limitare il principale terminale offensivo del Geas, si è fatta notare, nel contesto di una partita di sacrificio, per assist, intercetti, spinta e contropiede. Insomma un gran bel concerto per uno spartito molto simile a quello di gara-2 a Marghera, contro una squadra però di maggiore consistenza: avvio fulminante, lunga pausa (ma avversarie arrivate al massimo a -5), recupero quasi immediato della doppia cifra di vantaggio e dominio, anche atletico e morale, nel finale.

Proprio un calo anche prolungato porta sulla terra il Geas: Ferrara si scuote e fa vedere perché è arrivata terza (e in ascesa lungo il campionato) nel girone B. Soprattutto la mano educata di Ramò, occasionalmente aiutata da Cigic e Santarelli (calata invece dopo 7 punti iniziali Diene; meno incisiva Cupido rispetto alla Coppa Italia), richiama alla realtà le rossonere, che però sanno scuotersi riprendendo la corsa dove l’avevano interrotta. Barberis e Gambarini alzano il volume, con iniziative di carattere e sostanza, supportata dal “muro” Schieppati-Ercoli e da una regia attenta di Arturi, chiamata, soprattutto nel finale, a moderare ritmi e tempi. Il vantaggio risale: dal +7 dell’intervallo al +12 di fine terzo quarto (58-46) e poi al +18 a metà dell’ultimo (68-50). Nota particolarmente positiva nel gran caldo di un PalaNat gremito proprio la tenuta fisica delle rossonere, le cui rotazioni a questo livello forzatamente si restringono.

In difesa i cambi sistematici delle avversarie hanno impedito scarichi per le temibili tiratrici da tre di Ferrara, in particolare per Miccio, tenuta a 5 punti: così le manovre delle ospiti sono risultate spesso lente e faticose. Ma giovedì sera sul parquet emiliano sarà ancora un’altra storia: se il Geas vuol chiudere la serie sul 2-0 dovrà mettere in campo altri “miracoli”, a partire dalla continuità difensiva. Per ora nei playoff la squadra viaggia a 5 vittorie su 5, con distacchi medi di oltre 15 punti. Un lavoro straordinario che merita di essere completato.

Annunci


Categorie:Sport

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: