Sesto, fine dell’incubo per l’architetto Renato Sarno e l’ex direttore del comune Marco Bertoli: il gip archivia l’indagine

L’architetto Sarno

     SESTO SAN GIOVANNIFinisce l’incubo anche per l’architetto Renato Sarno e l’ex direttore del comune di Sesto San Giovanni Marco Bertoli, finiti nell’inchiesta del “Sistema Sesto” con l’accusa di concussione per induzione in concorso. In base alle prime risultanze delle indagini sembrava che su pressione di Bertoli l’imprenditore Edoardo Caltagirone, con interessi da sviluppare sull’ex area Vulcano, fosse stato condizionato nella scelta dell’architetto che seguiva i lavori di progettazione al punto da dover rinunciare al suo professionista Paolo Portoghesi per affidare i lavori a Renato Sarno per una consulenza “gonfiata” di oltre un milione di euro, di cui 367mila euro versati.

Marco Bertoli

L’architetto Sarno fu arrestato nell’ottobre del 2012 e passò  oltre 5 mesi in carcere, prima di essere mandato ai domiciliari. Bertoli, invece, si dimise dall’incarico comunale, in attesa degli esiti del processo. Nel corso di tutto questo tempo ci sono state diverse udienze e anche cambiamenti di posizione tanto che lo stesso Caltagirone, in base alle carte processuali, avrebbe modificato il contenuto delle sue dichiarazioni rese a verbale tanto che il pm milanese dove si svolgeva il processo Paolo Filippini ha chiesto l’archiviazione per Sarno e Bertoli anche sulla base delle ultime dichiarazioni di Caltagirone che avrebbe modificato “il tiro” sostenendo di non avere mai ricevuto pressioni per le le opere da realizzare sulle sue aree e che l’architetto Sarno, come da lui dichiarato, era stato affiancato all’altro architetto Portoghesi.

Il gip di Milano che segue le ultime vicende del “Sistema Sesto” ha disposto l’archiviazione di questo filone liberando definitivamente Sarno e Bertoli. L’avvocato di Sarno Marcello Elia ha detto che stanno valutando se chiedere i danni per ingiusta detenzione di Sarno che sostiene di avere avuto la vita rovinata per almeno “5 anni”.

Annunci


Categorie:Cronaca, Giudiziaria

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: