Pentagramma pre-ballottaggio: ore frenetiche per gli apparentamenti col rischio di rifare un minestrone a caccia di poltrone

   Sono ore frenetiche a Sesto per gli apparentamenti. Il più corteggiato da Roberto Di Stefano in particolare, ma qualcuno sostiene anche dall’entourage di Monica Chittò, è Gianpaolo Caponi e la sua dote elettorale che rappresenta il 24,24%. Niente di nuovo. E’ una prassi consolidata dal meccanismo del voto. Ecco perchè ai tanti dilettanti allo sbaraglio, avevamo consigliato di non alzare i toni durante la campagna elettorale, di non dire mai con questo o con quest’altro, di evitare insulti e attacchi personali.

Invece ? Hanno preferito la rissa alle idee, se le sono date di santa ragione, hanno definito Di Stefano e Chittò “complici del disastro di Sesto” come nel caso di Caponi e company, oppure lo stesso Di Stefano inaffidabile e Chittò impresentabile. Così con toni diversi è stato ripagato lo stesso Caponi dai due contendenti. Oggi si parla apertamente di apparentamenti.

Lo stesso Caponi che per mesi ci ha ammorbato con la sua diversità e ribadito che mai si sarebbe inquinato col sistema dei partiti, sembra essere disponibile. Tutto in nome dei sani principi del civismo. Alla faccia di chi gli ha creduto. Naturalmente tutto in nome di “punti programmatici” (sic) e di un paio di assessorati. “A prescindere!“.

Annunci


Categorie:Politica, Varie

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: