Pentagramma politico: giallo nel Pd dove c’è la vittima (Chittò) ma non si conoscono (ancora) gli assassini

   La vittima c’è ed è stata maldestramente sacrificata. Mancano gli autori del delitto (uno o più persone). La cosa certa è che si tratta di persone conosciute, vicine alla vittima. Esponenti del Pd che si sono adoperati (formalmente) per aiutarla e in realtà stavano tessendo la tela del ragno. Progetto riuscito. Monica Chittò è stata data in olocausto sull’altare del centrodestra. Ma gli autori del delitto hanno un’attenuante: la stessa vittima, proclamandosi unica candidata alle elezioni, ha violato il segreto….

Potrebbe esserci stata anche la premeditazione: il giorno in cui Monica Chittò decise di anticipare tempi e persone dichiarando a “urbi et orbi” di essere la candidata del Pd alle elezioni, senza passare attraverso le primarie, gli autori del delitto avevano già pensato a come eliminarla. Non solo: quando poi ci sono stati i momenti per “recuperare” l’azione con inviti a desistere, o quantomeno accettare qualche correzione strada facendo, e Lei ha risposto picche, si è materializzato il disegno criminale.

La sconfitta di Monica Chittò (e di tutto il Pd dopo 72 anni di potere) sta in questa caparbia idea. Non ha vinto (solo) la politica della protesta del centrodestra basata sulla paura e sull’insicurezza dei sestesi, stanchi di vivere situazioni difficili. Ha perso la insistente volontà di Monica Chittò, e del suo entourage, di non volere cambiare idea nemmeno quando gli stessi iscritti al Pd in disaccordo o gli alleati di sinistra lo hanno scritto e ripetuto: troppo presto la scelta di questa candidatura. E’ sbagliato decidere di autocandidarsi alle elezioni, ecc….

Ma se… nel senno dei poi ne son piene le fosse… rimane il fatto che alla decisione sbagliata ha fatto seguito una campagna elettorale disastrosa. Chi è stato vicino alla candidata Chittò ha tutte le responsabilità della sconfitta. Perché? E’ lapalissiano! I due argomenti forti della giunta uscente (pardon moi: perdente) la Casa della Salute e la Moschea erano e rimangono decisioni prese collegialmente dalla sinistra (con o senza consenso dell’opposizione, pur con le astensioni) e anziché essere state utilizzate dalla Chittò come chiavistello alla vittoria sono passate di mano al centrodestra che le ha fatte diventare armi letali, senza nessuna reazione dell’entourage finito per essere perdente.

Clamoroso! Mesi e mesi di propaganda su due argomenti dove la Giunta Chittò aveva passato momenti difficili per portare a termine i progetti, peraltro già decisi prima e altrove (Vuolsi così colà dove si puote, ciò che si vuole, e più non dimandare ..) formalizzando il prosieguo delle realizzazioni con documenti passati in consiglio comunale, per poi trovarsi con la moschea diventata un’arma letale contro e la Casa della Salute un premio “imposto” dalla Regione e dal suo presidente Maroni. Incredibile!

Ma la ciliegina è stata quella finale. Quando occorreva dare la svolta decisiva. L’entourage  aveva le ultime carte da giocare per far pesare la bilancia dalla parte della Chittò. Siamo in dirittura di arrivo nel ballottaggio. La situazione è delicata. Ed ecco il colpo da prestigiatore delle persone che hanno aiutato la sindaca alla waterloo finale: dichiarano di avere due assessori sicuri per la nuova Giunta e saltano i nomi di Carlo Moro e Damiano Di Simine. Bel colpo. Ci voleva un genio con la propensione al delitto, appunto. 

Carlo Moro era appena uscito dalla sonora sconfitta con la lista civica che appoggiava Caponi, dove ha avuto una manciata di voti e si è fatto lusingare dalla proposta di assessore alla Sicurezza con la Chittò, saltando il fosso in pochi giorni (deludente) e Di Simine è il responsabile ambientale con una certa idea di contrarietà sulle bonifiche delle ex Falck dove dovrà sorgere la Città della Salute. I due sarebbero stati responsabili della Sicurezza e dell’Ambiente. Se non è stato un delitto questo dite voi cos’è stato. Quindi la vittima è certa. Manca il nome o i nomi degli autori del delitto! E questa volta senza attenuanti, ma con molte aggravanti!   (Francesco Pontoriero)

Annunci


Categorie:Varie

Tag:

1 reply

  1. Analisi lucida e perfetta… Avevo personalmente evidenziato tutti questi problemi sin dal marzo 2016…. Ma non c’e’ peggior sordo di chi non vuol sentire..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: