La Tazzina di Caffè

     ®     Spulciando tra i post dei sostenitori di Roberto Di Stefano, ci si rende conto di che tipo  di campagna elettorale il nostro sindaco è stato capace di fare. Ha sostenuto tutto e il contrario di tutto. Si è speso contro l’esternalizzazione dei servizi pubblici, sostenendo contemporaneamente che bisogna snellire il peso delle pubbliche amministrazioni e che il privato è meglio; si è dichiarato a favore della chiusura dell’inceneritore, ma molti suoi fans, soprattutto di Cascina Gatti, dopo averlo votato chiedono con forza l’abolizione della raccolta dell’umido; si è speso contro la Moschea ricevendo consensi e voti, e adesso si pronuncia per il Sì alla struttura anche se in proporzioni ridotte.

Candidati eletti della sua Lista si son fatti postare con le magliette che recavano la scritta “Sesto ai sestesi“, e Lui , birichino, cosa fa’? Si fa fotografare beato, felice ed “orgoglioso” alla fiera di San Giovanni in mezzo alle bancarelle gestite al novanta per cento da stranieri, beccandosi  subito reprimende da parte dei suoi elettori oltranzisti.

Quella di Di Stefano è stata una campagna elettorale stile cocktail,  fatto con gli avanzi di frutta e liquore.  Sono quelle bevute che al momento ti inebriamo, ma dopo qualche ora ti producono forti bruciori di stomaco, che nemmeno il Maloox riesce a farti passare.

Per la serie: “Le promesse accumulano debito, e il debito accumula promesse“.

Annunci


Categorie:Varie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: