La Tazzina di Caffè

     ®   Abbiamo subito  per mesi logorroiche dichiarazioni sulla diversità,  sulla bontà del  civismo, sulla necessità  di liberare Sesto dalla dittatura comunista, nepotista e familista … E poi?

Alla prima occasione per dimostrarlo il sindaco Roberto Di Stefano,  il suo vice Gianpaolo Caponi e tutta la maggioranza compatta e coesa cosa ti fanno? Votano contro l’emendamento del consigliere della Lista Popolare x Sesto, Alessandro Piano che introduceva norme di trasparenza sulle nomine. Alla faccia della trasparenza promessa e della coerenza.

Per la serie: “La coerenza è comportarsi come si è  e non come ci si vanta di essere“.

Annunci


Categorie:Varie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: