Sesto, Stefania Di Pietro chiede al sindaco e alla Giunta di illustrare la situazione economica in aula e non sui social

     SESTO SAN GIOVANNI – La consigliera del Pd Stefania Di Pietro, dopo l’enunciazione del sindaco  Roberto Di Stefano dei conti in rosso del Comune con tante situazioni da sanare, chiede che la situazione sia illustrata in aula consiliare e non dibattuta sui giornali e social, mettendo in seria difficoltà diverse associazioni di volontariato che operano sul territorio. Ecco l’intervento della Di Pietro:

I conti non tornano! Si potrebbe riassumere così il susseguirsi di notizie tragiche sulla situazione delle casse comunali che, secondo le dichiarazioni rese dal Sindaco, sono praticamente vuote, con una situazione di conti disastrosa. Fermo restando il fatto che sembra essere diventata un’abitudine già consolidata, nonostante il recente insediamento, apprendere le notizie dalla Stampa – con tutto il rispetto per coloro che svolgono questa professione con serietà e attenzione – sarebbe utile che Sindaco e Assessore illuminassero anche noi consiglieri sulla reale situazione di bilancio, considerando che, non più tardi di due settimane fa, il consiglio comunale ha approvato l’equilibrio di bilancio, e vengano a riferire nella competente commissione consiliare, che mi auguro verrà convocata al più presto anche per darci conto di quelle che saranno le scelte politiche conseguenti. Scelte che, da quanto mi è dato leggere sempre dalla stampa, lasciano intendere la volontà di intervenire con manovre correttive sui servizi o meglio sulle rette.

Stupisce poi l’attacco a determinate Associazioni del territorio che da anni svolgono un servizio per la comunità, tengono alti i valori della nostra città, molte delle quali hanno, peraltro, un riconoscimento a livello nazionale. Per tutte Emergency e Ventimila Leghe
Sembra di intravedere un disegno ben preciso, che tende a volere colpire realtà dall’indubbio valore sociale, confondendolo con un piano politico, più che a risanare il bilancio. Personalmente sono d’accordo sul fatto che si debba mettere a reddito le proprietà comunali ma non senza garantire la possibilità a queste associazioni di continuare a svolgere la propria attività che, come detto, ha un indubbio valore sociale. Altrimenti lo si dica chiaro che il problema è “politico” e non di “conti”, perchè allora la situazione è completamente differente.

Mi sembra poi di ricordare che il Polo Civico confluito nell’attuale giunta ha da sempre fatto del sostegno al Volontariato il proprio cavallo di battaglia. Del Volontariato non c’è menzione nelle linee programmatiche del Sindaco tanto da avere costretto il Polo Civico a presentare un Ordine del Giorno che richiamava anche questo tema. Mi chiedo: qual è il reale peso del Polo Civico all’interno di questa amministrazione? Che fine ha fatto la convergenza sui punti del programma? Ma, soprattutto, quale politica si vuole attuare a sostegno delle Associazioni di Volontariato e in che modo si pensa di valorizzarle? Domande alle quali riteniamo di dovere avere una tempestiva risposta. (Stefania Di Pietro)

Annunci


Categorie:Varie

1 reply

  1. Quando invece, come accade da almeno cinque anni, Renzi ci asfalta gli zebedei con i suoi tweet ed altre amenità niente affatto istituzionali [come Matteo risponde], dobbiamo solo applaudire: che miope squallore!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: