Sesto, l’assessore Magro “battezza” i partigiani come repubblichini e scoppia la polemica con la sinistra che chiede le sue dimissioni

La nuova Giunta parte male.

   SESTO SAN GIOVANNI Il debutto dell’assessore Magro, delega alla Cultura, non è stato dei migliori: in occasione della commemorazione dei partigiani uccisi in piazzale Loreto la neo amministratrice di Sesto San Giovanni ha definito i partigiani “repubblichini” un termine poi corretto in parte nel comunicato stampa ma che lascia molte perplessità sulla capacità comunicativa di questa giunta, che ha assunto un esperto, non giornalista, per migliorare il tutto. E se questi sono i risultati non c’è da stare tranquilli.

A cogliere la palla al balzo di questo scivolone della Giunta di centrodestra  è il rappresentante di Art. Uno che manda il seguente comunicato:

E’ inammissibile che un’assessora, per di più con delega alla cultura, dimostri di non conoscere affatto la storia e tenti di ricondurre la Resistenza a “fenomeno” e la dittatura fascista a “movimento” che solo alla fine ebbe una deviazione.
Sesto San Giovanni, medaglia d’Oro per il contributo alla Guerra di Liberazione è stata oggi indegnamente rappresentata alla commemorazione dei martiri di piazzale Loreto da una rappresentante dell’amministrazione comunale che ha addirittura dichiarato che vi erano partigiani “republichini” e partigiani “fascisti”.
Nel tentativo di dichiarare che la Resistenza non ha avuto un fondamentale apporto delle forze progressiste Alessandra Magro, che di Sesto non conosce ne’ la storia ne’ il carattere, si è inventata di tutto pubblicando sul sito del comune un comunicato che definire allucinante è poco.
La nostra città ha contribuito alla Guerra di Liberazione lasciando “sul campo” oltre 400 martiri deportati o fucilati per le nostre strade perché lottavano per la libertà ed è stata esempio di quel grande connubio tra Resistenza armata e Resistenza civile che caratterizzò il periodo 1943/1945; qui comunisti, socialisti e popolari furono l’architrave di un movimento popolare di ribellione e organizzazione della guerra al nazifascismo.
Quanto oggi ha dichiarato l’assessora Magro suona come un insulto alla città, alla sua storia, ai suoi caduti. Pensiamo che Alessandra Magro sia assolutamente inadeguata al ruolo che ricopre e crediamo sia opportuno che il Sindaco le ritiri le deleghe inoppotunamente assegnatele.

p. Articolo UNO Mdp Sesto San Giovanni
Giampaolo Pietra

Annunci


Categorie:Varie

Tag:

1 reply

  1. Ma Pietra sa anche scrivere?!?!
    Ma cosa ne sa lui di ciò che accade in giunta…!?!? Saranno le notizie che gli passa la sorellina??
    Fatevene una ragione… AVETE PERSO! La gente si è stancata delle cose che dite e di quelle che non fate!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: