La Tazzina di Caffè

      ®     Non ci appassiona il controllo  di vicinato sdoganato dalla Giunta di Sesto,  ma soprattutto non ci appassiona la “cultura” che lo sorregge. Siamo lontanissimi da chi propugna la difesa di gruppo,  accattivante, ricca di principi fuorvianti, il primo dei quali è:  ” visto che lo Stato non ci difende o non ci arriva …“.

Abbiamo impegnato secoli di civiltà per affermare il principio che lo Stato, nelle sue diverse articolazioni, ha il diritto-dovere di assicurare la difesa dei cittadini e di provvedere alla sicurezza.  Non ci piace l’idea del gruppetto che gira munito di telefonino per segnalare situazioni considerate “allarmanti “. Non ci piace soprattutto l’ideologia che c’è  dietro. Con questo non vogliamo  demonizzare i buoni propositi  che animano gli ideatori di questo progetto. Ma non ci convince nella pratica e nelle finalità. 

Intanto in Italia si registra il più  alto numero di armi per legittima difesa. Una escalation preoccupante che si porta dietro un grande imbroglio della difesa facile. Questa è pura illusione,  come evidenzia nel  bel libro “Armatevi e morite” Pierangelo Buttafuoco, che conclude citando Cechov che diceva: ” …se in un romanzo compare una pistola, bisogna che spari“.



Categorie:Varie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: