PENTAGRAMMA POLITICO / L’assessore Lamiranda tratta i mussulmani come il Marchese del Grillo: io sono io, e voi non siete un c…zo

   La sentenza del Tar, che ha dato ragione al Centro Islamico di Sesto, riconoscendo la correttezza nell’iter procedurale per la costruzione della moschea, e che ha bocciato le delibere di annullamento della giunta, occupa ancora molto spazio sulla stampa locale. Nel merito, con un paginone centrale il settimanale locale (Sestowek) riporta interventi e interviste ai vari rappresentanti politici.

L’assessore all’urbanistica Antonio Lamiranda, dopo aver affermato di  voler rispettare sempre le sentenze, subito dopo contraddicendosi afferma: “…certo che quando mi vedo messo per iscritto che il mancato pagamento da parte del centro islamico di 320.000 euro non è tale da comportare l’estinzione del diritto di edificare …qualche dubbio mi viene“. Ma non solo, con poco rispetto del suo ruolo istituzionale lancia la sfida alla comunità islamica affermando: “...stiano tranquilli i benpensanti stiamo predisponendo gli ulteriori atti integrativi affinchè la grande moschea (sic) sia definitivamente cancellata dal territorio sestese. Chi è tanto sicuro che la sentenza del Tar sia fondata sotto il profilo urbanistico provi a posare la prima pietra“.

Non contento minaccia di schierare contro questa decisione, la burocrazia con un muro di atti amministrativi. Agghiacciante ! Lamiranda usa un linguaggio minaccioso e arrogante che riteniamo essere fuori da ogni logica istituzionale, al confine con quello che l’ex Sindaco Chittò definisce: ” …un che di ricattatorio”. Insomma come il Marchese del Grillo quando rivolgendosi a un gruppo di popolani disse: io sono io, e voi non siete un cazzo…

Nella stessa pagina appare anche un’intervista al vicesindaco Gianpaolo Caponi che sembra sceso dal pero. Parla di voler garantire (sic) la libertà di culto, come se fosse una sua gentile concessione, ma poi fa proprio, in piena contraddizione, la proposta di Lamiranda che rimanda furbescamente la decisione al futuro PGT, sapendo benissimo che lo spazio per un luogo di culto per i mussulmani non ci sarà mai.

Ci troviamo di fronte a un’amministrazione dove il rancore e  l’arroganza stanno mietendo molte vittime, sul piano della tenuta storica,  sociale e culturale, e rischiano di accrescere le divisioni e di mettere in discussione la tenuta democratica stessa della città.  (Mangiafuoco)

Annunci


Categorie:Attualità, Politica

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: