I carabinieri di Sesto sgominano rete di spacciatori che utilizzavano i pullman di linea per il trasporto

La cocaina sequestrata (Archivio)

    SESTO SAN GIOVANNI – Ventidue persone sono state arrestate dai carabinieri del nucleo operativo di Sesto San Giovanni, per traffico e spaccio di stupefacenti. Si tratta di 5 italiani e 17 marocchini, sui quali i militari indagavano dal novembre 2016 sotto il coordinamento della procura di Monza. Le indagini hanno permesso di individuare i canali di approvvigionamento nella provincia di Foggia e l’area di smercio nel nord Milano; la vendita avveniva anche nelle province di Roma, Genova e Lecce. A trasportare gli stupefacenti erano corrieri che viaggiavano a bordo di autobus di linea con la droga nascosta nei trolley. Durante le perquisizioni sono stati sequestrati 100 mila euro in contanti e oltre 150 chili di droga, tra cocaina, hashish e marijuana.

La droga arrivava dal Marocco, passava attraverso la Spagna, veniva stoccata in garage e rimesse in provincia di Foggia per poi essere ‘diramata’ nelle varie zone d’Italia, con particolare concentrazione nel nord Milano, tra Sesto San Giovanni e Cinisello Balsamo. Il trasporto avveniva su autobus di linea e i corrieri viaggiavano insieme alla droga: quasi tutti marocchini, riuscivano a portare borsoni e valigie riempiti anche con 50 chili di panetti.

È quello che emerge dell’indagine dei carabinieri di Sesto San Giovanni, guidati da Cosimo Vizzino, che ha portato a eseguire 22 ordinanze di custodia cautelare sotto il coordinamento della procura di Monza. Destinazione dei viaggi era l’autostazione di Milano Lambrate. È qui che i militari hanno intercettato, con l’aiuto dei cani molecolari, alcuni degli arrestati. Dodici le persone effettivamente catturate, tra Milano, Frascati (Roma), Genova, Lecce e Campobasso; otto ancora in fuga.

Le indagini dei militari sono cominciate nel novembre di due anni fa grazie alla denuncia di una donna, che ha raccontato di essere stata accusata di furto di droga da una coppia che ospitava in casa sua. I due, un uomo e una donna (entrambi arrestati), sostenevano infatti che, durante la loro permanenza in casa della 48enne a Cinisello, erano stati privati di 25 grammi di cocaina, e che avrebbero dovuto essere risarciti con 1200 euro dalla donna.

Questa aveva richiesto l’intervento dell’Arma, che ha quindi avviato l’inchiesta durata oltre un anno e durante la quale sono stati fatti anche 16 arresti in flagranza; oltre 100mila euro i contanti sequestrati, oltre a 140 chili di hashish, 9 di marijuana e 4 di cocaina. Il giro d’affari stimato poteva arrivare complessivamente ad un milione di euro, ma non esisteva – secondo gli investigatori – un vero capo dell’organizzazione, se non due figure di spicco che si trovavano tra Foggia e Milano. Quanto agli altri arrestati (fra cui due donne) per i marocchini si tratta di uomini senza fissa dimora; gli italiani erano per lo più 50enni pregiudicati. (Agi)



Categorie:Cronaca

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: