Sesto, scontro politico tra la sinistra e Casapound dopo le svastiche sulla bacheca di Rc

 

Il segretario Pd Lombardo

 SESTO SAN GIOVANNILa croce celtica e le scritte comparse sulla bacheca di via Marzabotto di Rifondazione comunista, hanno alzato lo scontro politico tra la sinistra e i rappresentanti di Casapound, ritenuti gli ispiratori dell’imbrattamento. Il Pd in un comunicato condanna l’azione con queste parole del segretario cittadino Nicola Lombardo:

Esprimiamo la nostra solidarietà e vicinanza al Segretario, ai dirigenti e agli iscritti e simpatizzanti di Rifondazione Comunista di Sesto San Giovanni per quanto accaduto questa notte alla loro sede. Condanniamo con fermezza l’imbrattamento con scritte neofasciste delle loro bacheche e anche noi non possiamo che collegare il vile gesto con rigurgiti beceri che la concessione dello spazio pubblico di “spazio Arte” a Casapound per una loro iniziativa può suscitare in questa città simbolo della lotta partigiana e della Resistenza.

Le forze democratiche e le istituzioni avevano solo pochi mesi fa condannato le scritte inneggianti ad altre forze eversive e violente. Oggi ci aspettiamo da parte delle istituzioni cittadine lo stesso gesto di condanna e una maggiore presa di coscienza sulle già conseguenze della scelta adottata con la concessione dello spazio a Casapound e dell’offesa cui si sottopone la Città, a cominciare da questo vile gesto.

A sua volta Angela De Rosa, portavoce di Casapound replica: “Il vero scoop sarebbe che improvvisamente i militanti di Casapound aspettassero l’oscurità per imbrattare muri; certamente meno nuovo è che la dirigenza di un movimento politico, di cui con l’occasione se ne certifica ancora l’esistenza in vita, ci attribuisca la responsabilità di un gesto che certamente appartiene alle abitudini comportamentali della sinistra: muoversi nell’ombra per fuggire alle conseguenze delle proprie azioni…”.

Il clima diventa sempre più inquietante in vista della conferenza organizzata da Casapound  per venerdì 18 gennaio alle 21 a SpazioArte, locali comunali concessi dalla giunta di centrodestra di Roberto Di Stefano. La conferenza è sul tema: “Nessuna Europa è possibile se non ci liberiamo dell’Unione Europea”. Per il pomeriggio della stessa giornata  è stata organizzata una manifestazione nella piazza del Comune dalle Associazioni antifasciste.



Categorie:Attualità, Politica

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: