Politica velenosa: la capogruppo del Pd Perego “perdona” lo sfidante Vincelli definendolo stanco e nervoso

     SESTO SAN GIOVANNILa capogruppo del Pd Roberta Perego, intimidita dall’atteggiamento verbale del consigliere Gianmaria Vincelli, durante l’ultimo consiglio comunale, risponde con toni pacati e dimostra di non accettare il guanto della sfida sul piano posto in essere dell’esponente ex lista civica, ora gruppo misto, che appoggia la giunta di centrodestra, ma butta acqua sul fuoco delle polemiche e dà un giudizio politico su tutta la vicenda.

Ho aspettato un pochino a scrivere di quanto avvenuto ieri sera – scrive Roberta Perego -. Non volevo scrivere con il buio e il freddo di ieri notte. Ma adesso, dopo una mattinata di luce e bellezza con i miei studenti, c’è silenzio per farlo. Inizio con il ringraziare tutti coloro che, in un modo o nell’altro, mi hanno espresso solidarietà. È un abbraccio caloroso, che mi prendo tutto e che mi fa camminare a testa alta.

Ho letto da qualche parte, in rete, che il consigliere Gianmaria Vincelli ha anticipato che ci saranno delle scuse (ho letto reciproche -?-ma non vorrei sbagliarmi). Ho trovato, come tanti altri, abbastanza inqualificabile quello che è avvenuto. So che è stato in buona parte dettato dalla stanchezza e dal nervosismo: questo spiega quelle parole e quei toni, anche se non li giustifica. Eppure per me l’attacco personale non è grave tanto quanto quello politico all’opposizione tutta e al suo margine di lavoro”.

Aggiunge Roberta Perego: “Molto più inqualificabile è stato, infatti, il comportamento del Sindaco: più di un’ora di comizio, orchestrato ad arte, dalla chiamata del pubblico delle grandi occasioni alla mimica facciale. Un comizio che si è trasformato in un processo pubblico a persone, dipendenti comunali, di cui si è fatto nome e cognome, ai Revisori dei Conti, di cui si sono lette mail e su cui si sono avanzate le più gravi accuse. Un vero e proprio ostracismo nei confronti delle opposizioni, con documenti consegnati in ritardo e mancate risposte ai chiarimenti richiesti”.

E ancora: “Ecco perché credo che nello stigmatizzare con fermezza i toni utilizzati dal Consigliere Vincelli non si debba personalizzare, non debba diventare una gogna mediatica né una caccia alle streghe. Guai se lo diventasse. Ringrazio per la solidarietà: mi aspetto delle scuse politiche in Consiglio Comunale. Nella politica che ho in mente io, certi modi non mi e non ci appartengono e non ci devono appartenere”.



Categorie:Attualità, Politica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: