Sesto, il sindaco esalta gli allontanamenti raggiunti quota 501, ma la sicurezza in città è altra cosa

Controlli dei vigili a Sesto (facebook)

   SESTO SAN GIOVANNIIl sindaco di Sesto Roberto Di Stefano esalta i provvedimenti temporanei di allontanamento dai luoghi cittadini, spacciandoli per Daspo, che sono altra cosa. Inoltre il primo cittadino sottolinea come questi provvedimenti, costanti e continui, abbiamo ridato una immagine di tranquillità alla città, mentre la cronaca ci propone quotidianamente decine di episodi che riguardano i furti in casa e delle auto, i vandalismi di ogni genere, le truffe nelle case, gli scippi e i nomadi per strada a chiedere soldi.

Tuttavia la fotografia che il sindaco espone è un’altra. La seguente: sono 501 i Daspo urbani emessi dall’amministrazione comunale di Sesto San Giovanni (Milano) da quando, nel 2017, nell’ex Stalingrado d’Italia si è insediata la nuova giunta di centrodestra guidata dal sindaco Roberto Di Stefano.
Nei primi 6 mesi del 2019 sono stati eseguiti 127 ordini di allontanamento, nel 2018 205, nel 2017 169. Inizialmente la Polizia Locale si era concentrata sul commercio abusivo e sui bivacchi intorno ai negozi, mentre ora, l’attività si concentra sui comportamenti vietati nei giardini, i fenomeni di ubriachezza molesta, i bivacchi e le vendite abusive.
“In questi due anni – spiega Di Stefano – siamo diventati un modello nazionale per l’utilizzo dei daspo, con risultati eccellenti nel contrasto a situazioni di insicurezza, degrado e commercio abusivo. Ho ricevuto nel tempo numerose richieste di collaborazione da altri sindaci, che mi han chiesto come replicare il nostro modello che nei numeri ha raggiunto cifre da record nazionale“.

Forse tutto questo è un tentativo per distrarre l’opinione pubblica dalla polemica che investe tutte le associazioni messe sotto scacco dall’amministrazione per la vendita delle case dove hanno la loro sede?



Categorie:Varie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: