Sesto, laboratorio clandestino cinese scoperto dalla squadra della polizia urbana

Il locale bagno

  SESTO SAN GIOVANNIQuesta volta la scelta del luogo dove operare non è stata in una zona di periferia, lontano da occhi indiscreti, ma in pieno centro cittadino, in via Giovanna D’Arco a Sesto San Giovanni. Il gruppo operava da tempo con molta intensità produttiva e qualcosa si era venuto a sapere tanto da avviare le indagini. Così la Polizia Locale, con le nuove squadre di Polizia Giudiziaria, è intervenuta in un locale Via Giovanna D’Arco, adibito a deposito/magazzino dove dimoravano e svolgevano attività lavorativa alcuni cittadini cinesi.

La stanza da letto

Dal sopralluogo è emersa la presenza di 4 postazioni lavoro costituite da macchine da cucito di tipo professionale oltre a cataste di tessuti, bottoni e cerniere lampo e numerosi prodotti di abbigliamento contraffatti di varie marche. All’interno sono state trovate tre persone, il titolare e due lavoranti. Uno dei 2 lavoranti era senza documenti e senza contratto di lavoro. Attiguo al laboratorio veniva trovato anche un antibagno adibito a cucina e poi un piccolo bagno in pessime condizioni igieniche. In un altro locale vi era un letto e numerose valigie con abiti all’interno.

Il titolare del laboratorio, che non aveva fatto comunicazione a Regione dell’azienda artigiana è stato sanzionato per violazione a questo obbligo e in più sarà denunciato per sfruttamento del lavoro nero. Il dipendente senza documenti e permesso di soggiorno è stato fermato e portato in Questura per l’identificazione, dove è stato trattenuto per l’espulsione.

Siamo soddisfatti per questa importante operazione. Ringrazio l’Assessore alla sicurezza D’Amico, il Comandante Brighel e gli agenti della Polizia Locale per questo rilevante intervento – ha detto il sindaco Roberto Di Stefano -. Colgo l’occasione per evidenziare il lavoro della Polizia Giudiziaria della Locale, squadre che sono state create e introdotte da poco, che si sono occupate dell’indagine durata un paio di settimane. Questo tipo di attività, in abiti civili e dietro segnalazioni dei cittadini, sono particolarmente utili perché rendono più ampio l’orizzonte di operazioni della Polizia Locale e garantiscono interventi su problematiche che prima era più difficile contrastare. Qui stiamo parlando di sfruttamento del lavoro nero e di condizioni di vita e lavoro pessime e inaccettabili, situazioni che vanno assolutamente stroncate e condannate”.



Categorie:Cronaca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: