Cusano, le educatrici dell’asilo don Giussani rischiano il licenziamento: lettera del neo sindaco

   CUSANO MILANINOIl neo sindaco Lesma prova a chiarire la procedura che porta a dare la gestione dell’asilo don Giussani alla società che aveva individuato la giunta Gaiani e che ora rischia di lasciare a casa le educatrici. Ecco il comunicato della neo Giunta:


La gestione del servizio nido presso l’asilo Don Giussani era stata affidata nel 2012 dal Comune alla cooperativa CODESS tramite contratto di concessione di servizio avente durata di anni 7. Tale contratto scadrà il 31 agosto 2019. La Giunta Gaiani aveva intenzione, alla scadenza del contratto con CODESS, di non indire nuovo bando per l’appalto del servizio e di conferire la gestione del nido alla Azienda Speciale Consortile IPIS (Insieme Per Il Sociale), società partecipata del Comune di Cusano Milanino che si occupa di fornire servizi alla persona.

Tale indicazione di volontà è stata manifestata, da ultimo, anche nel Documento Unico di Programmazione (delibera del Consiglio Comunale, atto n. 73 del 20/12/2018) ove alla pag. 88 si legge: “Alla scadenza della convenzione per la gestione dell’asilo nido Don Giussani (2019), è intenzione dell’Amministrazione passare la gestione del servizio all’Azienda Speciale Consortile Insieme per il Sociale (IPIS).” In ottemperanza alla volontà dell’Amministrazione gli uffici comunali preposti non avevano, pertanto, predisposto gli atti necessari per indire un nuovo bando d’appalto, procedura che avrebbe richiesto alcuni mesi.

A seguito di un incontro avvenuto nella primavera 2019 con i genitori del nido Don Giussani, l’Amministrazione Comunale nella persona del Sindaco Gaiani e degli Assessori Recrosio e Arduino, nel tentativo di venire incontro ad alcune specifiche richieste provenienti dai genitori, proponeva di prorogare di un anno la durata del contratto con Codess. Su tale proposta facevano affidamento i genitori del nido, preoccupati che un cambio di insegnanti potesse comportare una discontinuità a livello educativo e didattico.

In data 31/5/2019 perveniva però in via ufficiale la risposta negativa di Codess, disponibile tutt’al più a concedere una proroga di solo sei mesi: proposta totalmente inaccettabile per il Comune, in quanto i bambini avrebbero dovuto subire un cambiamento di educatrici ad anno già iniziato. La nuova Giunta Lesma, insediatasi il 13/6/2019, si è dunque trovata davanti ad un’unica scelta possibile: conferire immediatamente la gestione del nido a IPIS (come già, peraltro, era nelle intenzioni della Giunta precedente). Altre strade non erano percorribili, in quanto per un nuovo bando di appalto sarebbero occorsi mesi e non si sarebbe potuto garantire il servizio a partire dal 2 settembre 2019.

La gestione del nido da parte di IPIS non prevede un contratto di appalto (per il quale, come detto, mancherebbero i tempi tecnici) ma una forma contrattuale di natura diversa: il conferimento “in house” mediante contratto di servizio per una gestione diretta.

Per procedere alla gestione in affidamento del servizio nido, IPIS ha indetto un bando di concorso per la selezione delle educatrici. A tale bando hanno partecipato, tra maggio e giugno 2019, anche le educatrici della cooperativa CODESS in servizio presso il nido Don Giussani. Una di loro ha superato il concorso.

Il riassorbimento delle educatrici sarebbe stato possibile solo nel caso si fosse potuti procedere ad un nuovo contratto di affidamento in concessione. Tale riassorbimento sarebbe stato solo parziale (così prevede la legge) e a totale discrezione della cooperativa uscente e della nuova cooperativa aggiudicataria della procedura di affidamento. Il Comune non avrebbe potuto, in ogni caso, interferire nella decisione.

Si sottolinea peraltro come, dal punto di vista della continuità educativa, la scelta di prorogare di un anno il contratto avrebbe unicamente spostato il problema al prossimo anno mettendo in difficoltà 29 bambini, mentre saranno 10 i bambini che nel settembre 2019 inizieranno il nido con nuove educatrici. L’Amministrazione farà comunque tutto il possibile affinché venga assegnata a questi 10 bambini l’educatrice già presente al nido Giussani e vincitrice del concorso IPIS. La Giunta Lesma esprime dispiacere e preoccupazione per la sorte delle educatrici di CODESS, il cui contratto scadrà il prossimo mese, e manifesta loro la più ampia solidarietà, assicurando per il futuro maggiore attenzione ed empatia alle vicende dei lavoratori.



Categorie:Attualità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: