Sicurezza & selfie: una verità difficile da fare emergere ma i cittadini vivono tra paura e rabbia

  SESTO SAN GIOVANNILa realtà dei due volti: potrebbe essere definita così la situazione della sicurezza in città. Da una parte si assiste ai selfie quotidiani pubblicati sul profilo del sindaco Roberto di Stefano che plaude agli interventi delle forze dell’ordine e indica come modello il metodo sestese; dall’altra si assiste ad un continuo stillicidio di furti, scippi, aggressioni. Dove sta la verità? Quali sono gli effetti reali dei provvedimenti amministrativi di Sesto e come si svolge l’attività criminale dei reati predatori?

I dati ufficiali indicano un calo dei furti in casa, degli scippi ma danno in aumento truffe e droga. La conferenza annuale della prefettura di Milano ha fornito una serie di dati che vanno “analizzati e contestualizzati” ma, per il prefetto di Milano, Renato Saccone, la strategia degli ultimi anni è premiante. E i dati sulla criminalità nella Città metropolitana di Milano parlano di una diminuzione complessiva dei reati del 4,76% nel periodo gennaio-ottobre 2019 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e del 16,24% dal 2014.

Crolla in numero dei furti in abitazione: -21,43 nel 2019 (- 43,87% dal 2014). In calo le denunce per reati predatori come scippi e borseggi. Allarma, invece, l’aumento delle truffe e frodi informatiche: +7,72% e +87,12% dal 2014. Preoccupazione anche per l’aumento di reati legati al traffico di droga, “fenomeno enorme a livello internazionale”, per il prefetto: +8,30% nel periodo considerato, più 30,65% negli ultimi cinque anni. Un dato che si presta a una duplice lettura: il mercato è in espansione ma allo stesso tempo sono aumentati interventi e arresti.

Sesto non fa eccezione: la cronaca scandisce i ritmi dell’attività delinquenziale in ripresa e non sono stati gli allontanamenti e i continui controlli programmati a cambiare la situazione. Le lamentele sui social, a volte senza denunce ufficiali ritenuti inutili perchè sono una perdita di tempo senza risultato sul piano della giustizia, scandiscono un ritmo di furti, scippi, vandalismi che replica il passato. Soprattutto nelle aree di periferia.



Categorie:Attualità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: