Emergenza smog: i Giovani Sestesi chiedono alla giunta di centrodestra che fine ha fatto la politica ambientale?

Paolo Vino

  SESTO SAN GIOVANNI – Lo smog è alle stelle tanto che da diversi giorni è vietata la circolazione delle auto fino a 4 euro diesel oltre alle limitazioni per i riscaldamenti domestici. Una emergenza che ha portato i Giovani Sestesi a intervenire con un attacco alla giunta di centrodestra sulle politiche ambientali assenti in città. La lista di Paolo Vino, consigliere comunale,  è l’unica che in questo momento sta vigilando sull’amministrazione con interventi che interessano i problemi diretti sulla città. In un comunicato I Giovani Sestesi affermano:

Sono ormai giorni che Sesto San Giovanni, così come tutta l’area milanese, è assediata da elevati livelli di smog che mettono a rischio la salute di tutti, soprattutto dei bambini e degli anziani. In questa situazione di grave emergenza emerge ancora più forte l’assenza del Sindaco Di Stefano e di una seria Politica Ambientale da parte della sua Giunta.

Da quando si è insediato, Di Stefano è stato solamente capace di “gridare alla luna”. La sua politica contro lo smog e il traffico prevedeva solo l’idea imbarazzante e poco credibile di mettere delle barriere agli ingressi di Sesto San Giovanni per far pagare gli automobilisti che arrivano a Sesto. Nessuna indicazione di tipo ambientale. Nessun impegno a educare i cittadini a uno stile di vita più sostenibile.

Ma soprattutto, nei suoi programmi non compare nemmeno una riga dedicata ai piani di sviluppo di trasporti pubblici efficaci, di nuovi sistemi di mobilità locale. Non è riuscito nemmeno a presentare un piano credibile di piste ciclabili e di ZTL (aree a traffico limitato) che possano favorire la diffusione della mobilità non inquinante.

Anche i futuri progetti per le aree ex Falck nascono con un difetto mostruoso: la presenza di una rete di trasporti pubblici locali efficienti e moderni. Non esiste infatti un progetto di metropolitana, tranvia o filovia, per collegare i nuovi insediamenti che, lo ricordiamo, saranno estesi come una media cittadina lombarda. Ah si…. una cosa l’ha fatta. Di Stefano ha criticato aspramente il Comune di Milano che ha introdotto il nuovo biglietto integrato per i mezzi pubblici, producendo risparmi per i sestesi che scelgono di lasciare a casa le auto.

Un sindaco così rappresenta inadeguatamente i cittadini di Sesto San Giovanni. Soprattutto quei giovani che non lo hanno votato, ma che devono subire la sua inadeguatezza e la sua ignoranza sui temi amministrativi, in questo caso, ambientali.

La Politica di Di Stefano è il nulla. Ma che dire del suo Assessore all’Ambiente. L’assessore Magro, che non vive nemmeno a Sesto e della nostra città non conosce nulla, è letteralmente scomparsa dai riflettori. Suo è il disastro del servizio di igiene urbana che ha trasformato Sesto San Giovanni nella città più degradata della Lombardia. Sua la “direzione politica” dei continui abbattimenti di alberi che stanno devastando la città senza una chiara politica ambientale.

Sindaco, sappiamo che purtroppo è capace solamente di giocare con gli smartphone per farsi i selfie, ma la politica ambientale è un argomento troppo serio. C’è di mezzo la salute dei cittadini. Si faccia da parte e continui a giocare a casa sua, non con la salute di noi sestesi.

Lista Civica giovani Sestesi



Categorie:Attualità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: