La Tazzina di Caffè

®  “Libereremo l’Emilia Romagna”: così Salvini nella terra di Peppone e Don Camillo ha puntato le sue carte politiche per dare una scrollata al Paese e marciare verso la conquista del governo. Ha perso, sconfitto dalla pacatezza e dalla solidità dell’amministrazione guidata da Stefano Bonaccini. Gli emiliani romagnoli hanno risposto picche dandogli il benservito.

Non ha voluto essere da meno il sindaco di Sesto Roberto Di Stefano, che facendo il verso al suo referente ha scritto in un post: “Due anni fa a Sesto facemmo una grande impresa espugnando la Stalingrado d’Italia (sic). Adesso è ora che anche il feudo rosso dell’Emila Romagna cambi finalmente colore politico“. Gli è andata male, non è sempre domenica.

Per la serie: “Emilia sognante fra l’oggi e il domani, di cibo, motori, di lusso e balere, Emilia di facce, di grida, di mani, sarà un grande piacere vedere in futuro...”. ( Francesco Guccini )



Categorie:Varie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: