La Tazzina di Caffè

® “Ho fatto un sogno tanto tanto bello, ero in un castello sotto un cielo blu. C’erano tanti, tanti pappagalli, rossi verdi e gialli, che dicevan così. ‘Giocali, giocali, giocali, giocali, giò…’. Ho giocato tre numeri al lotto venticinque sessanta e trentotto…“.

Così Peter Van Wood in una bella interpretazione di una canzone scritta da Renato Carosone. Se rapportiamo i numeri del lotto alla  smorfia napoletana scopriamo che venticinque significa Natale (nascita ), sessanta chi si lamenta sempre soprattutto del passato, e trentotto ‘e Mmazzate (bastonate sia fisiche ma soprattutto metaforiche).

Se li rapportiamo alla realtà del Paese, ma anche a quella di Sesto, scopriamo che calzano a pennello. Con una differenza che i pappagalli rossi, verdi e gialli sognati sono innocui, viceversa quelli che svolazzano sui nostri territori sono perniciosi.

Per la serie: “I più sono stati a scuola dal pappagallo”.(Proverbio)



Categorie:Varie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: