La Tazzina di Caffè

 ® La modifica del regolamento dei lavori del Consiglio Comunale di Sesto, voluta dalla maggioranza che amministra la città, sta dando i primi risultati, purtroppo tutti negativi. Non era difficile immaginarlo.

Si è scelta la strada dell’impedimento della discussione, umiliando il ruolo e la funzione elettiva dei consiglieri comunali. Un effetto boomerang per la democrazia, messa a dura prova da un potere che dimostra di temere la discussione, e di ritenere che amministrare sia solo comandare.

Lo “spettacolo” che si è consumato l’altra sera è eloquente. Lo ha sottolineato in un accorato e duro intervento la consigliere Monica Chittò, che ha denunciato la violazione del principio della democrazia, con l’uso di  un cavilloso massacro a ogni tipo di proposta preventiva dell’opposizione, impedendone difatti la discussione in aula.

Siamo alla fine del principio basilare del ruolo e della funzione della massima assise cittadina. Tutto condito da un atteggiamento strafottente e derisorio da parte del sindaco che durante l’intervento si è girato di spalle con il sorriso  stampato sul viso. Il rispetto politico istituzionale ma anche umano, è stato messo in cantina.

Per la serie: “L’educazione non è il rispetto delle regole ma il rispetto degli uomini”.



Categorie:Varie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: