Basket, il Geas prova a creare la squadra del futuro senza Brooque Williams e Sophie Brunner

Sophia Brunner

SESTO SAN GIOVANNIIl Geas si appresta a gestire la squadra del prossimo campionato in A1 senza le americane. Infatti sia Sophie Brunner che Brooque Williams hanno deciso di rimanere oltre oceano per motivi personali e familiari. Probabilmente nella decisione delle due atlete ha giocato la situazione del covid 19.

La società ha dedicato ad entrambe un comunicato di saluto. Alla Williams due anni da ricordare, ricchi di momenti importanti, cestistici e non: ma ora si dividono le strade di Brooque Williams e dell’Allianz Geas. Dopo il ritorno in A1 del club sestese, la guardia di Pittsburgh ha rappresentato sia nel primo che nel secondo anno un punto di riferimento per tutti, dallo staff alle compagne, grazie alla sua innata classe e alla capacità di prendersi le giuste responsabilità nei momenti cruciali delle partite.

La top scorer della regular season di A1 2016-17 (con Battipaglia), a Sesto ha vissuto due stagioni molto buone, mostrando il proprio notevole talento e la dedizione al lavoro. Brooque ha chiuso la prima annata in rossonero con una media di 14.7 punti, 4.3 rimbalzi, 1.8 assist e 2.3 recuperate, migliorando le proprie cifre nell’ultimo campionato, terminato con 16.7 punti, 4.6 rimbalzi, 2.1 assist e 2.3 rubate. La società ringrazia Brooque per quanto fatto in questo lungo periodo e le augura di continuare al meglio la sua carriera sportiva.

Brooque Williams.

Per quanto riguarda la Brunner il Geas ha così commentato la sua presenza a Sesto: Sono stati due anni di emozioni e di forti legami quelli passati all’Allianz Geas da Sophie Brunner. L’ala dell’Illinois ha recentemente comunicato allo staff di Sesto di non poter riprendere l’attività di giocatrice in Europa, per ragioni personali e famigliari. Pur con dispiacere, la società ha preso atto della sua decisione e non può che augurarle il meglio per gli impegni futuri.

Dopo un anno passato a Torino, la classe ’95 è approdata a Sesto nel 2018: da allora Sophie ha ricoperto un ruolo importante, oltre che in campo, anche per la coesione tra le compagne e con lo staff. Ala grande di straripante energia, con una spiccata predisposizione da rimbalzistae e una grande tenuta difensiva, Brunner s’é fatta applaudire dal pubblico rossonero anche con giocate di classe in attacco sia sotto canestro che dall’arco.

Tanto combattiva quanto sorridente e disponibile, Sophie ha vissuto due stagioni in continua crescita, sia per quanto riguarda l’assunzione di responsabilità e di incidenza sul parquet sia nelle cifre (8.1 punti, 5.5 rimbalzi e 2.4 assist di media nel 2018-19 e 11 punti, 8 rimbalzi e 2.1 assist nell’ultimo campionato interrotto in anticipo). L’Allianz Geas ringrazia Brunner per questi due anni di A1, lieta di aver accolto una giovane, timida e sorridente ragazza del Midwest e di averla vista maturare sotto ogni aspetto, non soltanto sportivo. Un grande in bocca al lupo, Sophie!



Categorie:Sport

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: