La Tazzina di Caffè

 ®  La giunta Di Stefano ha deciso di ridurre gli spazi destinati all’Istituto di storia dell’età  contemporanea (Isec). La motivazione sarebbe: “Un piano di ottimizzazione e razionalizzazione nell’uso degli spazi coerente alle caratteristiche dell’immobile“.

Nel concreto parte di Villa Mylius sarà utilizzata per ospitare gli uffici del comune. La scelta presentata burocraticamente come razionalizzazione degli spazi, riveste una precisa connotazione politica ed appare come un ulteriore colpo alla memoria storica della città.

Una riorganizzazione che sa di ristrutturazione politica e culturale, senza nemmeno il coraggio di dirlo.

Per la serie: “Il coraggio non può essere contraffatto, è una virtù che sfugge all’ipocrisia“. (Honoré de Balzac)



Categorie:Varie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: