Infermiera del San Raffaele violentata da un egiziano sbarcato a luglio a Lampedusa

 COLOGNO MONZESELa ragazza dipendente dell’ospedale San Raffaele ha utilizzato la MM verde per andare a lavoro. Scesa a Gobba si è avviata a piedi verso il nosocomio, in una stradina dove spesso passano i lavoratori dell’ospedale. Ma quella mattina, verso le 6.30 non c’erano persone e lei nell’attraversare la scorciatoia è stata aggredita alle spalle.

L’uomo che l’ha assalita l’ha trascinata in un o scavo dove sono in corso dei lavori e l’ha violentata, poi l’ha lasciata scappare. L’infermiera arrivata sul posto di lavoro ha raccontato tutto alle colleghe che l’hanno invitata a fare denuncia, dopo la visita alla Mangiagalli che confermava la violenza.

In base alle testimonianze e ad alcune riprese delle telecamere vicine l’egiziano è stato individuato e arrestato. Si tratta di un 31 enne che a luglio era sbarcato a Lampedusa da uno dei barconi.



Categorie:Cronaca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: