La festa della vittoria di Di Stefano nell’aula consiliare potrebbe avere qualche strascico dopo la segnalazione al prefetto

Un frame del video rimosso sui social

 SESTO SAN GIOVANNINon tende a spegnersi la polemica nei riguardi del rieletto sindaco Roberto Di Stefano e di tutti quelli che lo hanno festeggiato in aula consiliare. I filmati pubblicati sui social hanno suscitato perplessità. La compostezza tanto descritta dagli amministratori del centro destra è andata in fumo. Il filmato dove si vedono le persone saltare e cantare (compresa l’eurodeputata Silvia Sardone) sarebbe stato trasmesso al prefetto assieme ad una segnalazione da parte di esponenti politici della sinistra, i quali ritengono siano venuti meno il rispetto e il decoro in un luogo istituzionale come la sala consiliare.

Il Pd ha commentato l’episodio: “Il Comune è la casa di tutti, l’aula consigliare è il luogo dell’assemblea che rappresenta ogni cittadino. Le indecorose immagini dei festeggiamenti della destra in Consiglio comunale sono l’ennesima pagina vergognosa da parte di chi non ha alcun senso istituzionale, di chi non ha rispetto della nostra città e della sua storia. Salire sui banchi dei consiglieri comunali, significa letteralmente calpestare la democrazia: il Comune non sarà mai di chi vince, indipendentemente dal colore politico, ma sempre di tutti i cittadini”.

Anche l’Anpi ha commentato l’accaduto, condannandolo: «Il Consiglio Comunale è l’organo di indirizzo, di programmazione e di controllo politico- amministrativo dell’Ente. L’aula consiliare è il luogo dove queste funzioni si concretizzano, attraverso un confronto su progetti e azioni, tra le forze di maggioranza e quelle di opposizione,
espressione di fasce tra loro diverse di elettorato cittadino.

Nella notte del 26 giugno scorso, una volta acquisito il risultato del ballottaggio per la poltrona di sindaco, l’aula consiliare del Comune di Sesto San Giovanni è stata teatro di scene, per di più pubblicizzate in una serie di video diffusi a mezzo delle piattaforme social, indegne non solo delle funzioni di cui sopra, ma delle pagine di buona prassi politica che lì
sono state scritte, in particolare dal secondo dopoguerra in avanti dopo il sangue versato nella fase storica della

Resistenza al regime nazifascista per il ripristino della libertà del Paese e per una nuova e duratura fase democratica.
Vedere l’aula consiliare, dove si dovrebbe dar voce a tutti i cittadini sestesi, trasformata in una pista da ballo per la festa di riconferma del sindaco Roberto Di Stefano, ex assessori e consiglieri di maggioranza scatenarsi, arrivando perfino a salire su tavolI, senza tener conto in alcun modo dell’istituzionalità del luogo, rappresenta un fatto di tale gravità da meritare solo una piena e convinta espressione di denuncia pubblica e di biasimo.

Chi si è reso colpevole di questi fatti rifletta sul proprio comportamento e quindi chieda scusa in primo luogo ai propri elettori e poi anche a coloro che a Sesto San Giovanni hanno compiuto altra scelta alle urne. La città merita di essere citata e ricordata per altro che non deprecabili episodi come questo». (Direttivo ANPI Sezione 340 Martiri)



Categorie:Attualità, Politica

1 reply

  1. Non mi stupisco più di nulla. Era ormai evidente che la giunta uscente, ora rinnovata, aveva già dato prova di mancanza di rispetto delle istituzioni, contingentando i tempi della discussione dei consiglieri comunali, aumentando di € 2.000 mensili gli stipendi di sindaco ed assessori senza discussione in aula ed altro ancora. Ma ciò che più mi amareggia è constatare come molti condividano questi atteggiamenti così scandalosamente autoritari e per nulla rispettosi non solo delle istituzioni democratiche ma anche di coloro che non si identificano col pensiero unico. Un paese che non riconosce la legittimità dell’avversario, è un povero paese. Che desolazione!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: