La Tazzina di Caffè

 ® Dopo una breve pausa post elettorale, sono ripresi i selfie del sindaco Di Stefano, anti immigrati e anti Pd. Sembrano telecomandati. Fanno parte di un repertorio da sottoscala di cabaret. Una recita stantia, spesso frutto di fake news, sempre cariche d’odio e soprattutto di vuoto politico.

Da qui al 25 settembre saremo bombardati da queste “geniali” rappresentazioni del nulla. Siamo attrezzati e vaccinati. Resta il fastidio di vedere un sindaco di una città importante come Sesto, storicamente esempio da osservare con interesse, sempre meno istituzionale e sempre di più uomo di parte. Almeno fino al prossimo giro.

Si perché Di Stefano, che critica i suoi avversari che cambiano casacca e opinioni, è lo stesso che non ha esitato un attimo da sindaco eletto in Forza Italia a trasferirsi tra le braccia di Salvini restando inchiodato alla sua poltrona. Pretende coerenza dagli altri e poi non ha esitato un attimo a fare il salto della quaglia, magari pronto per farne un altro. Vedremo.

Per la serie: “Quando Dio distribuiva la coerenza, io stavo ordinando un decaffeinato senza zucchero con un bombolone alla crema“. (H. J. I.)



Categorie:Varie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: