Mazzata ai tifosi con l’inaspettato esordio della Pro Sesto “schiaffeggiata” dal Vicenza: 6-1 il risultato finale

L.R VICENZA-PRO SESTO 6-1 (1-1)

Marcatori: Bruschi 25′, Ferrari 40′, Scarsella 51′, Rolfini 61′, Dalmonte 65′, Ferrari 74′, Jimenez 87′

L.R VICENZA  – Confente; Padella (dall’88’ Corradi C.), Pasini, Ierardi, Dalmonte (dal 76′ Valietti), Scarsella (dal 68′ Cataldi), Jimenez, Greco, Begic (dal 76′ Sandon), Ferrari, Rolfini (dal 68′ Stoppa)
A disp.: Brzan, Grandi, Bellich, Giacomelli, Alessio, Oviszach, Busatto
All. Mularoni

PRO SESTO – Del Frate; Giubilato (dal 63′ Corradi) , Marzupio, Moretti; Maurizii, Bruschi (dal 63′ Gerbi), Wieser (dal 67′ Boscolo Chio), Radaelli, Bianco (dal 73′ Vaglica), Capogna (dal 72′ Moreo), Capelli
A disp.: Botti, Suagher, Toninelli, Gattoni, Ferrero, Santarelli
All.: Andreoletti

Arbitro: Samuele Andreano della Sezione AIA di Prato

Matteo Andreoletti, un esordio da dimenticare

 SESTO SAN GIOVANNINessuno aveva messo in preventivo un esordio così disastroso. Anche per il tipo di gioco che la squadra aveva mostrato durante le partite di preparazione al campionato, slittato a inizio settembre. L’allenatore Andreoletti aveva promesso spettacolo e così è stato, ma per la squadra di casa che non vinceva con un risultato simile dalla stagione 1999/2000 contro l’Empoli.

I sestesi sono pure andati in vantaggio con Bruschi, poi è stato il disastro: praticamente il Vicenza ha mostrato il suo vero volto di squadra esperta e capace di gestire la palla, mentre la Pro Sesto ha evidenziato limiti inaspettati. Gli stessi limiti che lo staff tecnico palesa nel “nascondere” la delusione di un esordio così devastante pubblicando solo il tabellino della gara, senza commento. Allora cosa serve avere uno staff ben organizzato se poi si fa mancare la comunicazione? Ah come sono lontani i tempi dei presidenti che aprivano le porte ai giornalisti dopo qualunque risultato sul campo!

I commenti dei giornali di settore sono impietosi. La Gazzetta: “Il Vicenza è un uragano e lancia subito un messaggio forte al campionato: al Menti la Pro Sesto finisce travolta (6-1), nonostante l’iniziale vantaggio ospite su punizione calciata da Bruschi e incertezza di Confente. Il vantaggio è però illusorio per la squadra di Matteo Andreoletti, giovane allenatore classe 1989: pareggia Ferrari con una gran girata dal limite dell’area e da quel momento l’unica squadra in campo è il Lane con i gol di Scarsella, Rolfini, Dalmonte, ancora Ferrante (doppietta) e Jimenez. Cinque reti su sei sono state firmate da nuovi arrivati nel calciomercato estivo”.

Ma per avere un quadro più realistico basta scorrere i giornali della zona, come il Triveneto.it che scrive: “Attacco atomico doveva essere ed attacco atomico è stato: il Vicenza batte 6-1 la Pro Sesto con un esordio da sogno davanti a 6562 spettatori. Al 5′ Rolfini si smarca e passa palla a Ferrari che dribbla un’avversario e va al tiro e per una manciata di centimetri non trova la rete. Al 14′ sugli sviluppi di un corner è invece Padella a provarci di testa ma la sfera sorvola di poco la traversa.

Come prevedibile la Pro Sesto gioca una gara attendista fatta di fulminee ripartenze su errori biancorossi mentre il Lane al 19′ prova un diagonale che mette in difficoltà Del Frate, passano due minuti ed è ancora Dalmonte ad essere pericoloso con un cross che però non trova nessuno al centro dell’area. La partita continua con il Vicenza in completo controllo ma al 26′ accade ciò che nessuno si aspetta perché la difesa biancorossa commette un errore marchiano completato da un pasticcio di Confente che permette così a Bruschi di infilare la porta del Lane.

A questo punto la squadra di Baldini (in tribuna per squalifica) cerca immediatamente il pareggio che arriva al 40′ con Ferrari che stoppa palla di petto al volo batte Del Frate. Nella ripresa i berici diventano anche più cinici: al 52′ Scarsella conquista palla in una mischia e a porta vuota realizza il gol che ribalta il risultato a favore del Vicenza. Ora il Lane gioca in scioltezza e al 62′ Rolfini realizza un gol di potenza e precisione per il tris che non però non è ancora il risultato definitivo perché al 67′ Dalmonte battezza in rete un tiro di Ferrari ribattuto dall’estremo difensore.

La Pro Sesto è completamente al tappeto e al 76′ Ferrari da posizione super ravvicinata la colpisce di testa per il 5-1. Anche negli ultimi minuti il Lane non rinuncia ad attaccare e all’87′ Jimenez segna il sesto e ultimo gol per una partita che non si ricordava al Menti dal 6-0 contro l’Empoli del 1999-2000″.

Un risultato che deve fare riflettere la dirigenza sestese, o basta la soddisfazione di avere la gestione dei centri sportivi per sentirsi comunque protagonisti, sempre con il beneplacito del nostro Sindaco? Dov’è finita l’euforia della presentazione al The Village?



Categorie:Sport

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: